?

dav

Chi vincerà l’edizione Centoequalcosina del Giro? Dite la vostra nei “Commenti”: in palio una cena alla Cascina (S)C(hi)antavenna di Poirino offerta dai nostri partner commerciali (inesistenti)

Sarà andato forte Dennis oppure saranno andati piano tutti gli altri? Sul tragitto che porta da Nichelino a Borgaretto e da Borgaretto a Nichelino, un redattore di Schiantavenna, incrociando signorine dedite al meretricio pronte a concedersi ad improvvisati ciclisti finiti fuori tempo massimo dall’edizione Centoequalcosina del Giro, ha pensato a lungo su quale fosse la chiave di lettura della tappa partita da Trento. Bypassando tutti i discorsi riguardanti i watt sprigionati per pedalata (saranno lungamente trattati nelle colonne della Gazzetta domani), sorvolando sull’analisi della gestione delle energie in corsa (Schiantavenna di fatto non capisce una mazza di ciclismo) e rinunciando a sfogliare classifiche di giornata e generali, resta una sola chiave di lettura. E non va ricercata nè sul Tuttosport dove il ciclismo è confinato alla pagina in cui si snocciolano i compleanni degli sportivi (quei  “…oggi 17 Gennaio compie gli anni Simone Ponzi…” tanto per citarne uno) bensì nelle pagine della “Zeriba illustrata” (vedi lazeribaillustrata.wordpress.com/2018/05/05/liberta-per-rohan-dennis). Seduto sul trono dei migliori per due ore e qualcosina in attesa del verdetto finale della crono di Gerusalemme, il simpatico Rohan pare ne avesse combinata una più di Bertoldo in Francia lo scorso 4 maggio. Oltre a non essersi asciugato il sedere dopo il notevole sforzo fisico ed aver di fatto inzaccherato la sedia del migliore, l’atleta della Bmc si è lasciato andare a flatulenze di ogni genere e tipo. Doumulin, che di fatto alla tappa d’esordio in Israele aveva ereditato la seduta di Dennis e non aveva gradito lo stato in cui l’aveva trovata, a Rovereto ci rinuncia e gli lascia la vittoria di tappa. Chi ringrazia? Ovviamente Yates: lui si tiene la maglia pur senza poggiarsi sull’umidiccia seggiola del vincitore di giornata.

G

 

Annunci

Un pensiero su “?

  1. Non per vantarmi ma neanche la Zeriba Illustrata ne capisce niente di ciclismo e allora come vincitore del Giro pronostica lo stesso che ha detto Villella: il primo. La classifica potrebbe essere sconvolta solo da attacchi, improbabili viste le energie rimaste agli scalatori, o da sconvolgimenti intestinali, essendo troppo recente il ricordo di quanto accaduto l’anno scorso alla Tenia di Maastricht.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...